L’ARCHIVISTA di LORIANO MACCHIAVELLI

L’autore entra a gamba tesa nella narrazione. Sembra un terzino ai tempi di Nereo Rocco. Il giallo è ben costruito. La storia si dipana attraverso una Bologna nostalgica sotto lo slogan del “prima si stava meglio”. Il protagonista, lo Zoppo, è un archivista mordace della questura. Antieroe e così antipatico da risultare simpatico. Grazie alla maestria del narratore, il lettore si trova a fare il tifo per lui, come per un calciatore fuoriclasse. A trenta pagine dalla fine, arriva un colpo di scena clamoroso che lascia senza fiato. Il finale è fuori dagli schemi. Lo Zoppo, Poli Ugo, riportato in libreria dopo una trentina d’anni dalla sua prima pubblicazione, colpisce e lascia il segno con il suo bastone che usa sia per il suo equilibrio sia per prendere a mazzate il lettore. Giuliano Einaudi Editore Spa, io ho acquistato l’edizione Mondolibri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...