GATTI IN GIALLO di GIORGIO CELLI

Ho scoperto per caso i gialli di Giorgio Celli. Me lo ricordavo quando conduceva documentari sul mondo animale e la sua figura mi ha sempre richiamato quella di un paffuto gatto sornione. Riporto una sua frase che lo lega in modo inscindibile a questo animale: «I gatti sono stati i miei maestri di etologia. Maestri senza parole ma con gesti trasparenti; ed io, a poco a poco, sono diventato un loro ammiratore e loro complice».

Da questo amore per gli animali è nato l’ispettore Michelucci, bolognese, poco incline ai rapporti sociali e dedito alla meditazione Zen. L’ispettore incontrerà, in ogni caso che dovrà risolvere, un gatto che lo aiuterà a riflettere e a trovare il colpevole.

Gatti in giallo è la raccolta dei tre casi dell’ispettore Michelucci.

“Il gatto del ristorante cinese”, “Il gatto allo specchio” e “Il gatto del Rettore. Delitto all’Università”. Nel primo episodio, il racconto della faida tra il ristoratore cinese e l’oste della trattoria bolognese è di un umorismo incontenibile.

Io ho acquistato un’edizione di Morganti Editore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...