TREASURES FROM THE WRECK OF THE UNBELIEVABLE di DAMIEN HIRST

 

La mostra di Damien Hirst resterà a Venezia a Palazzo Grassi e Punta della Dogana fino al 3 dicembre 2017, salvo proroghe. Visitarla genera emozioni contrastanti ma non lascia certo indifferenti. L’artista ci spinge dentro una finzione fantasiosa e potente che mischia il mito con la storia. Immagina il ritrovamento nel 2008 al largo della costa orientale dell’Africa del relitto di una nave naufragata piena di tesori.  Immagina che questi tesori siano appartenuti a un liberto dell’Impero romano. Liberto arricchitosi enormemente e amante del bello e delle opere d’arte. Con questo spirito Aulus Calidius Amotan collezionerà opere provenienti da ogni angolo del mondo antico. Tutti i tesori del liberto furono caricati sulla nave Apistos (Incredibile) che affondò e la collezione d’arte rimase sul fondo dell’Oceano Indiano per duemila anni per poi essere scoperta nel 2008 e recuperata grazie a questo scavo archeologico straordinario.

E’ tutta finzione. Nulla di ciò che vedrete è vero se non i materiali utilizzati. Ad esempio, la testa della Medusa scolpita in malachite, è quotata circa 4 milioni di dollari. La stessa scultura la si ritrova in cristallo di rocca e in oro – argento. Quello che vi colpirà appena entrerete a Palazzo Grassi sarà il demone senza testa alto 18 metri. Imponente e gigantesco vi affascinerà con le sue fattezze e sarà naturale pensare che sia in bronzo. Niente di più sbagliato perché è in resina dipinta.

Lasciatevi trasportare, senza pregiudizi, nel sogno e nella storia avventurosa di questo liberto. Vedrete che correrete attraverso un sogno. Io non ne sono rimasta delusa ma anzi, ne sono venuta via con dispiacere. Per me è bellissima e lui è indiscutibilmente un grande Artista. Non perdetevi all’interno di Palazzo Grassi il filmato del ritrovamento subacqueo girato con competenza e maestria. Godetevi l’avventura.

Piccoli consigli per raggiungere la mostra: arrivate in treno oppure lasciate la macchina al parcheggio in Piazzale Roma. Io ho prenotato a € 26,50 l’Autorimessa Comunale. Per mio piacere ho raggiunto Palazzo Grassi e Punta della Dogana in battello. Costo giornaliero € 20 a persona. La corsa singola (non ne vale la pena) € 7,50. Si possono però raggiungere tutte le sedi anche a piedi. Qualora doveste fare un attraversamento dove non ci sono ponti, ci sono le gondole-traghetto. Non sono quelle turistiche ma dei moderni Caronte che vi porteranno da una sponda all’altra per € 2 a persona.

Il prezzo della mostra acquistando il biglietto via internet è di € 18 salvo riduzioni. L’orario di accesso è indicativo e quindi se arrivate in ritardo non ci sono problemi. La mostra è aperta dalle 10 alle 19. Chiuso il martedì. Ogni sabato c’è una visita guidata gratuita alle 15 a Punta della Dogana e alle ore 17.00 a Palazzo Grassi.

Buon divertimento.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...