HIPPIE di PAULO COELHO

Definito da tutti come il suo libro più autobiografico, Paulo ci riporta indietro agli anni settanta e ci tocca il cuore quando parla del suo imprigionamento in Brasile, di quello che ha dovuto sopportare per diventare scrittore e del suo coraggio nel voler conoscere il mondo. Un viaggio in pullman da Amsterdam a Kathmandu. Lui si fermerà a Istambul per comprendere il divino nel mondo dei Dervisci.

La Nave di Teseo Editore – io ho acquistato un’edizione Mondolibri.

3 pensieri su “HIPPIE di PAULO COELHO

  1. Leggevo Coelho tanti anni fa e mi piaceva tanto! Dopo aver letto “Il vincitore è solo”, mi ha talmente delusa da pensare che non l’avesse scritto lui e così, l’ho abbandonato. Hippie l’ho visto spesso in libreria, ma ora ho paura di rimanere delusa nuovamente. Che mi dici? La trama mi interessa… la sua vita, ma è il solito Coelho? (La copertina mi piace moltissimo!) 😀

    Mi piace

    1. Per me è stato un tuffo negli anni settanta. Sul modo degli hippie di vivere e di girare il mondo. Parla della sua prigionia in Brasile e delle torture subite. Tocca anche i conflitti con il padre. Era la pecora nera della famiglia. E’ stato richiuso in manicomio per la sua volontà di diventare scrittore. Questo libro veloce e leggero mi ha lasciato qualcosa di gradevole e positivo.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...