IL METODO CATALANOTTI di ANDREA CAMILLERI

Un’indagine che mette in crisi il commissario Montalbano che si confronta anche con la ricerca del senso dell’amore. Un amore logorato dagli anni, quello con Livia e uno acerbo e avventuroso, quello con Antonia. Un capolinea dei sentimenti? Mah!

L’autore ci tiene per mano e ci porta nella vita del ragioniere Catalanotti che applica quasi un metodo contabile nello scoprire e catalogare i sentimenti delle persone. Ci introduce al suo modo di intendere il teatro e le persone con una sincera metafora della vita e del ruolo che ci ritagliamo.

Catalanotti scava i traumi e i sentimenti dei potenziali attori e li fa suoi. Mette il dito nella piaga, riapre ferite e ne osserva il sangue scorrere.

In questo libro si percepisce un Moltabano stanco e con la voglia di dare le ultime zampate a una vita che sente arrivare alla fine.

Sellerio Editore, io ho acquistato un’edizione Mondolibri

 

L’ORA PIU’ BUIA di ANTHONY McCARTEN

Winston Churchill è stato uno dei protagonisti più importanti sul palcoscenico della seconda guerra mondiale. In questo romanzo se ne analizzano la storia che ha fatto e attraversato, il lato personale e il rapporto difficile con il padre che lo ha sempre giudicato un inetto buono a nulla. Conseguenza di questo legame malato, fu la depressione di Winston che si sentiva solo un incapace. Passava ore nel cesellare ogni parola dei suoi discorsi e nello studio della retorica. Andava a dormire a tarda ora e iniziava la mattinata lavorativa direttamente dal letto, non negandosi un Whiskey fin dalla colazione. Non potrò mai più guardare un documentario di storia senza immaginarmi l’austero Churchill con i suoi cappotti scuri sotto i quali indossava biancheria di pura seta rosa o il pensare ai suoi due bagni quotidiani con abluzioni così abbondanti che l’acqua della vasca debordava, allagando il piano terra di Downing Street.

Vale la pena leggerlo.

Mondadori Libri SpA, io ho acquistato un’edizione Mondolibri

 

SHORTBREAD

Dosi:
280 grammi di farina 00
140 grammi di farina di mandorle
250 grammi di burro
150 grammi di zucchero
6 grammi di sale

Unite alle farine lo zucchero e il burro freddo. Lavorarlo fino a quando non iniziate a ottenere un panetto, a quel punto aggiungete il sale. Aggiustate con il mattarello l’impasto fino a metterlo in una teglia quadrata di 22 cm. Coprite con la pellicola e mettetelo in frigo a riposare per almeno un’ora. Bucherellate l’impasto con una forchetta. Mettetelo in forno a 180° per 30 minuti in forno statico. A cottura ultimata tagliate a quadretti o rettangoli, separate i biscotti così ottenuti e lasciateli freddare.

280 grams of 00 flour
140 grams of almond flour
250 grams of butter
150 grams of sugar
5 grams of salt

Add the sugar and cold butter to the flour. Work it until you start to get a dough, then add the salt. Adjust the dough with a rolling pin until it is placed in a 22 cm square baking dish. Cover with cling film and place in the fridge to rest for at least an hour. Prick the dough with a fork. Put it in the oven at 180 ° for 30 minutes in a static oven. When cooked, cut into squares or rectangles, separate the biscuits so obtained and let them cool.

LA SESTA MOGLIE di PHILIPPA GREGORY

Caterina Parr è stata la sesta moglie di Enrico VIII, rimasta celebre nella storia per essere stata l’unica consorte a sopravvivergli. Non è nota se non per aver rischiato anch’essa la testa fino a quando non ha dimostrato di essere fedele e sottomessa al re. L’autrice segue la vita di Caterina per tutto il matrimonio con Enrico e cerca di tradurne i sentimenti attraverso il velo polveroso della storia, dandole un taglio forse troppo moderno.

Questa è l’unica pecca del romanzo, sembra che Caterina sia stata trasportata dai tempi moderni alla vita di corte con l’ingombrante e despota marito. Complessivamente è un romanzo godibilissimo e che rinfresca eventi storici forse non molto noti.

Sperling & Kupfer, io ho acquistato un’edizione Mondolibri

LA ZONA CIECA di CHIARA GAMBERALE

Un amore autodistruttivo che lega due vite affette dal male dello stare al mondo. Vite che si perdono nella ricerca di una felicità ideale impossibile da afferrare. L’amore vero che lega due persone al di là del sesso e dello stare insieme. Si è legati anche quando ci si lascia e anche quando lottiamo contro noi stessi per poterci dimenticare. Una zona cieca che ci rode e ci distrugge. Il buio nella propria anima che mangia e divora tutto ciò che incontra. Una Chiara Gamberale che colpisce duro ma non si può fare a meno di non arrivare fino in fondo a questo romanzo, veloce, oppressivo e potente.

Giancarlo Feltrinelli Editore. Io ho acquistato un’edizione Mondolibri

 

LE ASSAGGIATRICI di ROSELLA POSTORINO

Il senso che mi lascia addosso questo libro non è piacevole. Osannato dalla critica e con un ottimo successo di vendite, mi aspettavo di leggere qualcosa di straordinario. Così non è stato.

L’ho trovato scritto a posteriori dall’ottica di un vincitore pietoso. Non ho percepito la Germania nazista della seconda guerra mondiale. Non posso credere che le assaggiatrici di Hitler non fossero persone devote al loro Fuhrer. Non è credibile la scelta di un’ebrea imboscata e di donne dissidenti.

Era un ruolo troppo delicato per non indagare sulle candidate in modo approfondito. Era un onore assolvere questo compito per il padre della Germania Nazista.

Edizione Giangiacomo Feltrinelli Editore Milano, io ho acquistato un’edizione Mondolibri